a
h 0

“Lascia giù ogni realtà

Che i tuoi occhi vestano
i miei: sempre, ovunque!

Vorrei fermare il tempo,
le labbra nel ricordo
per vivere d’eterno.

Carezze e voci
tra dita e lingua,
licheni e magnolie.

La gioia assoluta è
nei nomi sussurrati.
Luna, sabbia, vento,
mani sottili e stelle
dal dolore traggono,
faticosa, la nascita
dell’essere.

Fate e anime perse
sul sentiero del sogno,
diafano tocco gentile”.

Dalla Silloge poetica Anno 2016
di Giulia Quaranta Provenzano
(Aletti Editore, Giugno 2017)